Come si può chiedere la sospensione della rata dei mutui per il coronavirus   27/02/2020  

Come si può chiedere la sospensione della rata dei mutui per il coronavirus

È importante dare servizi ai clienti che hanno già comprato casa, oltre ad essere di aiuto è un modo utile per lasciare e mantenere una buona relazione

Grazie al decreto del Governo, viene prevista la possibilità di sospendere le rate del mutuo, in alcuni specifici casi.

Chi ha in corso un mutuo e sta subendo la riduzione dell’orario o la sospensione dal lavoro oppure è in seria difficoltà con il fatturato mensile della propria ditta individuale o piccola impresa in seguito all'allarme Corona-virus può pensare di richiedere la sospensione delle rate di mutuo direttamente alla propria banca. La misura riguarda indistintamente tutti gli intestatari, non è quindi riservata solo ai residenti nei Comuni della zona rossa.

La sospensione delle rate (fino a 18 mesi) comporta semplicemente un'allungamento del piano di ammortamento. entra in aiuto il Fondo di Solidarietà per i mutui che accolla la quota interessi del mutuo e resta poi a carico del proprietario di casa, dopo il periodo di sospensione, la quota capitale e la parte degli interessi derivante dallo spread

Il Fondo di solidarietà per i mutui per l'acquisto della prima casa è stato istituito, presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze, con la Legge n. 244 del 24/12/2007 che prevede la possibilità per i titolari di un mutuo contratto per l'acquisto della prima casa, di beneficiare della sospensione del pagamento delle rate al verificarsi di situazioni di temporanea difficoltà, destinate ad incidere negativamente sul reddito complessivo del nucleo familiare.

Per inoltrare la richiesta è necessario compilare il modulo dedicato disponibile sul sito Consap e rivolgersi quindi direttamente alla propria Banca. Oltre al modulo compilato, bisognerà consegnare alla banca anche la documentazione che attesti il rispetto dei requisiti previsti. il modulo è attualmente quello generico senza riferimenti allo stato di insolvenza creato dall'attuale status quo, un sano confronto con la propria filiale di Banca è sicuramente una cosa necessaria.

Confidiamo di poter lasciare questa crisi sanitaria alle spalle e di poter dimenticare presto la cosa, ma nell'attesa che passi tutto e la normalità ci faccia vivere queste giornate semi primaverili, all'aperto e circondati di amici, pensiamo un pochino anche agli aspetti economi e non facciamoci trovare impreparati.

Condividi su:    
« Indietro